Digital e Social nel 2017.
Uno sguardo sulla situazione in Italia e nel mondo.

Correva l’anno 1991 quando l’informatico britannico Tim Berners Lee pubblicò il primo sito web.
Sono trascorsi 26 anni e internet è diventato di libero accesso a tutti, uno strumento di cui non possiamo più fare a meno.

Web, multimedialità e social network sono in continua evoluzione, per questo ogni anno We are social, in collaborazione con Hootsuite, fa il punto della situazione per capire come si sta muovendo lo scenario digitale.

Prendiamo spunto dai dati emersi da questa ricerca per fare una riflessione sull’evoluzione digitale.

Guardando i numeri a livello generale, cosa accade nel mondo?

I dati ci danno un’indicazione molto netta.
La quantità di persone che usa internet e i social network in tutti i paesi è in continuo incremento.

Gli utenti internet sono il 50% della popolazione mondiale mentre quelli delle piattaforme social sono il 37%. Gli utenti mobile hanno raggiunto il 66% della popolazione e quelli che accedono ai social, tramite mobile, sono il 34%. I consumatori che acquistano online, invece, corrispondono al 22% della popolazione mondiale.

Dallo studio emerge che più della metà della popolazione nel mondo usa uno smartphone e quasi due terzi possiede un telefono cellulare. Inoltre, è fondamentale considerare che più della metà del traffico internet avviene da mobile su banda larga.

Ecco una classifica delle piattaforme più diffuse e utilizzate:

Cosa sta succedendo il Italia?

Il digitale avanza anche in Italia. Gli italiani, di tutte le generazioni, si dimostrano particolarmente attivi sui social network e sulle app di messaggistica a cui accedono, in particolare, attraverso mobile. L’Italia è il terzo paese al mondo per diffusione di smartphone: l’85% della popolazione ne usa uno.

Le piattaforme social preferite e più utilizzate sono: YouTube, Facebook, WhatsApp, Facebook Messenger, Instagram, Twitter, Google+, LinkedIn, Skype e Pinterest. In generale, gli italiani usano meno social network rispetto ad altri paesi ma lo fanno con maggiore frequenza.

Questi alcuni dati nazionali:



Conoscere il modo in cui le persone interagiscono fra loro, con le istituzioni e con i brand, capire il loro comportamento online o la propensione di acquisto attraverso e-commerce è fondamentale per chi si occupa di marketing e comunicazione.

Leggere e comprendere i dati a disposizione per poterli utilizzare a proprio favore è compito sia delle imprese, sia della Pubblica Amministrazione. Questo è possibile attraverso la formazione interna oppure avvalendosi della collaborazione di professionisti del settore.

Digitalizzazione è sinonimo di opportunità per tutte le aziende. Innovazione che parte dall’interno e maggiori investimenti nel settore non devono mancare perché ogni impresa possa sviluppare nuove occasioni di business.