Fai ciò che ami, ama ciò che fai.
Innamorati del tuo lavoro ogni giorno.

Lo sanno tutti e lo affermano anche gli psicologi: innamoramento e amore non sono la stessa cosa.

L’innamoramento è un periodo transitorio, bello ed emozionante. All’inizio ogni istante è prezioso e ricco di stimoli, poi con il tempo, subentra la monotonia e la passione iniziale si affievolisce. Se questo è vero in amore, non dovrebbe esserlo altrettanto nel rapporto tra noi e il nostro lavoro, soprattutto se abbiamo deciso, con consapevolezza, di seguire un particolare percorso professionale.

Allora, come deve essere il giusto approccio al nostro lavoro?

La fase d’innamoramento va mantenuta viva ogni giorno per non correre mai il rischio di stancarsi, annoiarsi o considerare ripetitive le azioni che svolgiamo quotidianamente. Stimoli nuovi e curiosità per tutto ciò che cambia nei contesti in cui operiamo, devono essere giornalieri.

Bisogna riscoprire il piacere per ciò che facciamo.

Il mondo del lavoro è cambiato e questo cambiamento ha preparato il terreno a una società in continuo divenire. Solo chi ha una mente aperta, può capire le nuove tendenze per sfruttarle a proprio vantaggio. Chi si occupa di comunicazione, ha la fortuna di vivere in un contesto in continua e spasmodica evoluzione: nuove tendenze, nuove tecnologie e nuovi linguaggi si susseguono a una velocità crescente.

Puoi decidere di girarti dall’altra parte e aspettare che la fiammella del tuo amore svanisca oppure vivere con passione ed entusiasmo ogni cambiamento, cercando dietro ogni novità, un’opportunità!

Ecco quindi che il motto Innamorati della Comunicazione acquista un doppio significato: un inno a Noi che ogni giorno mettiamo determinazione, amore, costanza e curiosità in tutto ciò che facciamo e un’ispirazione per Tutti quelli che lavorano in questo mondo, a essere quotidianamente parte attiva ed entusiasta. Amare il proprio lavoro vuol dire riuscire a trasmettere a tutti la passione per ciò che facciamo, ottenendo il meglio da ogni relazione.